CD-ROM: Wayne’s World

Benvenuti in un nuovo articolo di CD-ROM (Classici Dimenticati-Ricorrenti O Memorabili), la nostra rubrica sui classici perduti da riscoprire. In questo articolo parleremo di Wayne’s World (in Italia arrivato come Fusi di testa), un film scritto da Mike Myers e diretto da Penelope Spheeris.

Tratto dagli sketch comici dei due attori protagonisti al Saturday Night Live, Myers e Dana Carvey, il 14 Febbraio 1992 Wayne’s World compare per la prima volta su grande schermo, colpendo particolarmente la parte giovanile per merito della caricatura che il film fa alla situazione adolescenziale e post-adolescenziale di quegli anni. Basti prendere come esempio la scena in cui Wayne propone in auto di “spararsi una striscia di Bohemian Rhapsody”, dove non è molto difficile capire su cosa realmente volessero ironizzare.

Stesso identico concetto di film per Wayne’s World 2: Waynestock, il sequel diretto da Stephen Surijk uscito nel 93 con una storia, pur mantenendosi sulle stesse basi, quasi del tutto diversa.


Perché dovrei vederlo ?

I motivi per cui consiglio la visione di questi due film sono svariati, alcuni neanche troppo convincenti e troppo soggettivi, quindi mi limiterò col dire che sicuramente è un film divertente, capace di far ridere grazie alla trama quasi del tutto priva di senso, accompagnata da gag demenziali e allusioni inconcepibili. In prima linea ne fanno parte i protagonisti, Wayne e Garth, che con estrema naturalezza e professionalità riescono a essere veramente stupidi, senza dimenticare che per Mike Myers, nonostante la presenza fissa in TV al Saturday Night Live, questo sarà il primo della sua filmografia; con la sua immancabile firma del “film senza quarto muro”, spesso assieme a Garth parla direttamente con lo spettatore guardando l’obiettivo della videocamera.

Entrambi i film, purtroppo, non sono stati molto graditi dalla critica italiana, molto probabilmente per la trasformazione subita dal passaggio fra lingua originale e lingua italiana che come ben sappiamo tende a far perdere qualità. Non per altro consiglio la visione in lingua originale, pur premettendo che in lingua italiana riesce a essere ugualmente comico.


Cast

Se per un film del genere ci si aspetta un cast da quattro soldi, oltre Myers e Carvey premiati come miglior coppia, nella lista degli attori ci sono personaggi tutt’oggi presenti e nominati nel mondo del cinema. Per citarne due, c’è Ed O’Neil, Glen, che fino al 2020 è stato il padre della moglie di Phil in Modern Family e Lara Flynn Boyle nel ruolo di Stacy. Inoltre, ci sono diversi cameo come quello di Robert Patrick nel ruolo di Terminator e Alice Cooper che interpreta sé stesso.


Colonna sonora

Dopo set, trama e personaggi, la colonna sonora è forse uno degli aspetti più curati del film, visti Wayne e Garth come grandi appassionati di musica rock. Sparsi per il film si incontreranno artisti di grande calibro come Alice Cooper, Queen, Hendrix, Simon e Garfunkel ecc.., aggiungendo la presenza fisica degli Aerosmith nel cast.


Trame (spoiler alert)

Nella città di Aurora, nell’Illinois, Wayne Campbell e Garth Algar, amici da sempre, conducono dallo scantinato della casa dei genitori del primo un piccolo show chiamato Wayne’s World. Programma televisivo che spopola fra i giovani, tanto da attirare l’attenzione di Benjamin Oliver, un produttore televisivo che, incaricando Finley, il suo assistente, scopre il set, e recandosi di persona sul luogo riesce a ottenere i diritti sullo show pagandoli 5000 dollari a testa, dando loro spazio nel loro canale ricreando fedelmente la cantina su un set meno amatoriale.

Wayne decide di festeggiare il nuovo contratto spendendo i soldi dell’affare, e una sera conosce in un locale Cassandra, una giovane cantante di cui si innamora ricambiato. Benjamin, senza farsela sfuggire, le punta immediatamente gli occhi addosso cercando di soffiarla promettendole una grande carriera musicale, invitandola a casa e regalando ai due protagonisti dei biglietti con backstage per il concerto di Alice Cooper, in modo da tenerli lontani almeno per una sera.
Riuscirà a conquistarla quando, dopo aver licenziato Wayne per aver preso in giro uno sponsor durante il programma, lo porterà a litigare sia con Garth, che con Cassandra.

Accorgendosi degli errori commessi, Wayne si riappacifica con il suo migliore amico, e rimettendosi in contatto con un famoso impresario musicale, dirottando il segnale dell’esibizione live di Cassandra direttamente sulla TV della sua limousine, riesce a farle ottenere un contratto discografico, così da riconquistarla nell’ultimo finale dei tre che propone il film.


Nel secondo film, Wayne’s World viene condotto da una fabbrica abbandonata ad Aurora. Dopo un concerto degli Aerosmith, Wayne incontra in sogno Jim Morrison con un indiano nel deserto. Morrison convince Wayne che il suo destino è organizzare un grande festival musicale in stile Woodstock, che più avanti prenderà il nome di Waynestock. Per poter iniziare i lavori, assumono sotto consiglio di Jim, il suo ex roadie, recandosi a Londra, e da qui iniziano i primi tentativi per invitare all’evento alcune fra le più grandi band, senza alcun risultato.

Cassandra invece, dopo una lunga relazione si lascia con Wayne, dopo aver ammesso di averla spiata per un sospetto di gelosia verso Bobby Cahn, con cui senza esitare troppo si fidanzerà.
Una volta venduti tutti i biglietti per Waynestock, si scopre che nessuna band è ancora arrivata. Lasciando Garth da solo davanti a un enorme pubblico, Wayne interrompe il matrimonio fra Cassandra e Bobby in una scena che ricorda il finale did The Graduate.

Nel frattempo Garth, imbarazzato, si fa prendere dal panico sul palco fino al ritorno di Wayne, dove ancora nessuna band è arrivata. Sul finale l’ultima comparsa di Morrison, il quale dice che le band non arriveranno mai e che tutto ciò che conta è averci provato. Wayne e Garth incapaci di tornare dal deserto in cui Morrison li aveva portati, iniziano a morire di fame, e trovando ciò inaccettabile i due protagonisti ricostruiscono la fine di Thelma e Louise, guidando la loro macchina da un dirupo mentre cercano di trovare le band, accorgendosi che bastava terminare con un lieto fine standard.

Tutto termina con le band che arrivano e ad Aurora si tiene un festival musicale ai livelli di Woodstock.


Conclusioni

Non che questi due film abbiano chissà che gran messaggio da trasmettere, ma in una frazione molto piccola, se si scava a fondo, c’è un significato, in particolar modo nel secondo.

Classificazione: 3.5 su 5.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...