L’uomo dietro Paul McCartney

Oggi, 18 giugno, esattamente 79 anni fa nasceva a Liverpool James Paul McCartney.
Uno dei più grandi musicisti contemporanei e uno dei più influenti (nonché il più ricco, con un patrimonio di circa 2mld di dollari) ha raggiunto la fama internazionale grazie al suo ruolo da bassista nel gruppo musicale più famoso del mondo: The Beatles (di cui ho scritto anche un articolo qualche tempo fa) e forse anche il maggior rivoluzionario del gruppo che, probabilmente, si sciolse per sua decisione.

Possiamo dire che la sua storia comincia quando incontrò per la prima volta John Lennon, il 6 luglio 1957: questo avvenimento infatti sarà decisivo per la storia dell’umanità, in quanto segna una svolta da diversi punti di vista.
Dopo questo incontro i due diventeranno grandi amici, anche a causa della prematura scomparsa delle loro madri, dando inizio allo storico binomio Lennon-McCartney che si svelerà fondamentale per la scalata al successo dei Beatles.

Nel 1970, però, la magia finisce e i Beatles si divideranno prendendo strade diverse.
Paul quindi, nell’estate del ’71, fonda insieme alla moglie Linda e ad altri amici il gruppo che prenderà il nome di “Wings”.
L’esordio sarà deludente ma più in là pubblicheranno delle perle che saranno ricordate per sempre come “Live And Let Die” o “Band On The Run”.

Dal 1980 in poi però sceglierà la carriera da solista che lo porterà a fare collaborazioni, anche piuttosto importanti, con svariati cantanti.
Ha scritto canzoni con artisti come Stevie Wonder, Michael Jackson, Johnny Cash, George Michael, Rihanna e altri, che sono diventate piuttosto famose.
Sempre in quell’anno, come un po’ tutti sanno, l’8 dicembre, John Lennon viene assassinato. Inutile dire che da questo avvenimento Paul ne uscirà distrutto e, nel 1982, pubblica la canzone “Here Today” dove rende esplicito l’amore fraterno che provava per lui.

Il 17 aprile 1998, Linda, l’amore della sua vita, colei che “gli diede la forza e il coraggio di riprendere a lavorare” dopo la rottura dei Beatles, muore.
Anche qui Paul soffre molto e questa sofferenza è amplificata dal fatto che il 29 novembre 2001 morirà anche il suo caro amico ed ex beatle, George Harrison.

Dopo la fine del suo secondo matrimonio, avvenuto nel 2002, il giorno del 71esimo compleanno di John Lennon si sposa ancora con la sua attuale moglie Nancy Shevell.

Altro che Paul is dead (ve ne parlerò in un prossimo articolo): nonostante la sua età avanzata Paul è ancora in attività e infatti a dicembre 2020 è uscito il suo ultimo album chiamato “McCartney III”, che contiene canzoni interamente scritte, suonate e cantate da lui (e quando dico suonate, intendo che suona tutti gli strumenti).

Insomma, ha vissuto una vita decisamente piena e spero continui a farci sognare con le sue canzoni. Una cosa però è certa, verrà ricordato sempre insieme a John Lennon come uno degli artisti che ha cambiato il mondo per sempre.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...