VOLATILE CONUNDRUM: che cos’è ?

In questo articolo vi spiegherò in maniera semplice una tecnica che in psicologia viene chiamata “Volatile Conundrum” (enigma volatile). Una tecnica molto semplice che permette di capire con una semplice affermazione se una persona sta mentendo.


Jack Schafer è uno psicologo, professore, consulente dello United States Intelligence Community ed ex agente speciale del FBI; ha sviluppato tecniche di reclutamento di spie, intervistato terroristi e addestrato agenti nell’arte dell’interrogatorio e della persuasione.
Jack spiegò questa tecnica in questo modo: “la Volatile Conundrum è una tecnica sofisticata che mette i bugiardi in una posizione in cui sono costretti a prendere decisioni affrettate. Le persone sincere hanno poche difficoltà a gestire questa tecnica.


In poche parole, questa tecnica consiste nel porre al soggetto una domanda di cui, in realtà, si conosce già la risposta; o meglio, consiste nel fare una dichiarazione falsa in modo che, se la persona è d’accordo con te, tu sappia che sta mentendo, e se la persona non è d’accordo, puoi verificare che sia veritiera.
Un esempio può essere questo discorso tra un padre e suo figlio:

  1. Dove sei stato ieri sera?
  • Sono andato a vedere il nuovo film di Fast & Furious al cinema con i miei amici.

In questo caso, se il padre ha un dubbio che il figlio stia mentendo può inserire una “Volatile Conundrum”, ovvero una domanda o affermazione che possa far andare in difficoltà la persona, ad esempio:

2. Ho saputo che all’inizio avevano sbagliato a proiettare il film e che alla fine si sono scusati per l’inconveniente.

Ora, questa è la bellezza della tecnica, il figlio si trova ad una affermazione che sa che è falsa, solo se è stato veramente al cinema.
A questo punto, il ragazzo si trova di fronte a un “Volatile Conundrum” e deve prendere una decisione rapida. Se sta mentendo su quello che ha fatto ieri sera e non era davvero al cinema, confermerà questo errore di proiezione o lo contesterà? 

Se riconosce l’errore di proiezione, dato che in realtà non si è verificato, è caduto nella trappola del “Volatile Conundrum”.

Se non era presente al cinema ma contesta comunque questo errore di proiezione, sarà comunque “bloccato” dai suoi stessi pensieri, come ad esempio “oddio, e ora che gli racconto”, e si potrà notare sul volto l’esitazione di rispondere, e di conseguenza siete sicuri che stia mentendo.

Decisione difficile, solo una persona sincera conoscerà la risposta corretta, e saprà darla in maniera rapida e con sicurezza.

Una cosa importante da ricordare, è che tutte le “Volatile Conundrum” dovrebbero avere una via di fuga, ovvero una salvaguardia nel caso in cui la persona abbia detto la verità. Ad esempio in questo caso, se il figlio la sera prima fosse stato realmente al cinema, e quindi avrebbe negato l’errore di proiezione, il padre avrebbe potuto rispondere con “ah, allora probabilmente sarà successo in un altro cinema.”


Fidati, ma verifica.

Ronald Reagan

Vi voglio anche ricordare che tutti noi odiamo quando ci dicono bugie, ma allo stesso tempo tutti noi le diciamo. Quindi occhio a voler scoprire sempre la verità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...